CONSIDI 4.0
La sfida della quarta rivoluzione industriale

Oggi tutti ne parlano e le imprese cominciano ad interessarsene anche per l’importante effetto mediato ottenuto dal Piano Industria 4.0 varato dal Ministro Calenda.

Ma, nella realtà, l’argomento si presta ancora a fraintendimenti ed errate interpretazioni.

Il principale rischio è di convincersi che questa nuova rivoluzione industriale significhi solamente digitalizzare, robotizzare ed automatizzare le nostre imprese.

La possibilità di ripercorrere il fallimento del CIM (Computer Integrated Manufacturing) degli anni 90 è reale.

Oggi la vera sfida da cogliere è quella di interpretare questa rivoluzione come l’opportunità per l’impresa di introdurre una radicale (vera) innovazione sui processi e sui prodotti fino a modificare i comportamenti e le abitudini.

Per fare tutto questo però la cultura organizzativa deve cambiare: le persone devo essere messe al centro e i processi devono essere pensati e progettati sempre più stabili, flessibili e affidabili (in una parola Lean).

Solo dopo le tecnologie troveranno un terreno fertile e saranno abilitanti e contribuiranno a trasformare radicalmente anche il “modello di business” delle imprese nel nostro paese.

Ascoltando l’esperienza di Satoshi Kuroiwa, che assiste su questi temi i vertici di Toyota Motor Corporation ed il governo giapponese, abbiamo scoperto la dimensione internazionale di questa rivoluzione e ancora una volta possiamo confrontarci con quanto fatto da Toyota su questo fronte.

Per informazioni info@considi.it
Considi4.0

Cosa Facciamo

News ed Eventi

Blog

  • Perché le imprese decidono di adottare la Lean Production?

    Le principali ragioni legate all’adozione del metodo Lean in azienda si possono distinguere fra quelle che possono essere ricondotte a forze interne all’impresa (legate quindi alla sua strategia, struttura ed organizzazione), e quelle che invece dipendono dall’ambiente esterno in cui opera l’impresa stessa. Tra le trenta individuate, quasi due terzi sono riconducibili a forze che agiscono dall’interno dell’impresa. Ciò significa che vi è un elevato numero di fattori che possono essere legati alla strategia adottata, alle procedure di lavoro, alle persone, piuttosto che a pressioni e conflitti interni, i quali spingono l’impresa ad avvicinarsi a percorsi di Trasformazione Snella.

  • La IV Rivoluzione Industriale: l’ultima chiamata per il made in Italy!

    La nuova fabbrica digitale sarà caratterizzata da un flusso di comunicazione in tempo reale, dalla capacità autodiagnostica e dal controllo a distanza della produzione, dalla personalizzazione dei prodotti in funzione della domanda e dalla simulazione della produzione in ambiente virtuale. In questo scenario iper-tecnologico all’uomo resta il compito essenziale

  • PRODOTTI UNICI E CUSTOMIZZATI ANCHE CON IL TPS: Build to Order!

    Fare prodotti unici è intrinsecamente una caratteristica distintiva italiana. Spesso si crede che il TPS non sia adatto a questo tipo di aziende perché nasce dall’esperienza di Toyota dove ci sono lotti e ripetitività. È qui che entra in gioco questo modello testato nel tempo che declina in chiave snella l’organizzazione delle aziende ETO al limite BTP (Business to Person).

  • INDUSTRY 4.0 E LEAN MANAGEMENT A NOVARA

    Considi tra i protagonisti del corso di formazione “Fabbrica 4.0 e Lean Management: come gestire l’Information Technology e ottimizzare la produzione industriale” promosso dalla Camera di Commercio di Novara e organizzato da Toyota Academy.

  • Considi 4.0: Innovation on hand

    Primo evento Considi 4.0 all’insegna dell’innovazione di processo e di prodotto in occasione della straordinaria presenza in Italia del prof. Satoshi Kuroiwa. Guarda il video!

  • L’Insegnamento del sensei Satoshi Kuroiwa

    La sfida dell’Industria 4.0 è quella di accompagnare la trasformazione tecnologica sia attraverso lo sviluppo di una nuova cultura all’interno delle aziende – per rendere semplici, stabili ed intuibili i processi che portano ai nuovi prodotti e servizi intelligenti – sia con la formazione di nuovo capitale umano.

  • LA LEGGE DI MOORE E’ FINITA!

    Ci piace ricondurre questa evoluzione tecnica informatica (sviluppare processori in base alle tipologie di utilizzo, ottimizzandone i software e quindi il consumo) ad alcuni concetti base del pensiero Lean e TPS (ovvero generare valore per il cliente capendone le esigenze ridurre gli spechi facendo tanto con poco). L’internet delle cose e l’industria 4.0, se correttamente gestiti, possono essere quindi visti come una naturale evoluzione dei progetti Lean/TPS.

  • LE REGOLE DEL BRANCO

    Sempre più spesso nei nostri progetti le aziende ci chiedono di svolgere attività per sviluppare l’Hitozukuri (ovvero l’arte di saper far crescere le persone) per avere una squadra che sappia realizzare prodotti e processi eccellenti.
    Quanto sarebbe massimizzato l’ingegno delle persone (e quindi la risoluzione dei problemi) in una azienda strutturata come il branco di lupi.

  • LEAN THINKING E THEORY OF CONSTRAINT: Caso studio di Implementazione

    L’implementazione della metodologia TOC è molto legata al mondo del Lean Thinking.
    Coerentemente con le logiche Lean Thinking di gestione Pull dei processi e abbattimento delle scorte, il Drum Buffer Rope è uno strumento con cui sincronizzare tutti i processi partendo dai bisogni del cliente bilanciando la presenza di scorte nel flusso. Le differenti logiche di gestione degli impianti favoriscono la riduzione dei lotti minimi incoraggiando quindi la riduzione dei tempi di set up. Il Visual Management è usato come strumento per la condivisione delle nuove logiche di schedulazione della produzione.

News ed Eventi

Blog

Video in Evidenza